Il controllo delle attività informatiche e telematiche del lavoratore: alcune considerazioni informatico giuridiche

Giovanni Ziccardi

Abstract


L’evoluzione del controllo tecnologico sui lavoratori è strettamente connessa allo sviluppo dei dispositivi tecnologici. Da una modalità di controllo rudimentale, rivolta all’ambiente di lavoro e realizzata attraverso telecamere, il contesto attuale si caratterizza per l’utilizzo quotidiano, da parte dei lavoratori, di dispositivi aziendali suscettibili di porre in essere un controllo occulto.

Grazie ai software installati sui server, sui telefoni cellulari, su tablet e computer, è possibile esercitare indistintamente un pieno controllo sia sui dati relativi al rapporto di lavoro sia sui dati personali relativi alla vita privata del lavoratore. L’articolo esaminerà, da un punto vista di informatica giuridica, i più comuni strumenti capaci di realizzare tale controllo.


Parole chiave


control; spyware; embedded tools; interception; privacy; GPS

Riferimenti bibliografici


P. Costanzo, Note preliminari sullo statuto giuridico della geolocalizzazione (a margine di recenti sviluppi giurisprudenziali e legislativi), Diritto dell’Informazione e dell’Informatica, 2014, 3, 331.




DOI: 10.6092/issn.2421-2695/5997

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Copyright (c) 2016 Giovanni Ziccardi

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.