Il controllo (del datore di lavoro) sull’attività dei lavoratori: il nuovo articolo 4 st. lav. e il consenso (del lavoratore)

Andrea Sitzia

Abstract


L’Autore esamina il problema del ruolo del consenso nell’esercizio del potere di controllo “tecnologico” del datore di lavoro. L’indagine prende le mosse dalla ricostruzione del nuovo art. 4 St. lav. nella parte in cui, in particolare, consente il controllo sugli strumenti utilizzati dal lavoratore per rendere la prestazione.

Tenendo conto della novella legislativa, nella seconda parte, viene analizzata l’interazione dello Statuto dei lavoratori con il Codice privacy, giungendosi a porre in evidenza una serie di anomalie sistematiche relative, nello specifico, al consenso al trattamento dei dati personali sensibili.


Parole chiave


Employer’s Monitoring Powers; Control; Employees’ Privacy; Information and Consent

Riferimenti bibliografici


Aimo A., Privacy, libertà di espressione e rapporto di lavoro, Jovene, 2003;

Alvino I., I nuovi limiti al controllo a distanza dell’attività dei lavoratori nell’intersezione fra regole dello Statuto dei lavoratori e quelle del Codice della privacy, LLI, 2016, 1, 3 ss.;

Bellavista A., Controlli elettronici e art. 4 dello Statuto dei Lavoratori, RGL, 2005, 775;

Bellavista A., La disciplina della protezione dei dati personali e i rapporti di lavoro, in Diritto del lavoro, Commentario diretto da F. Carinci, tomo II, Il rapporto di lavoro subordinato: costituzione e svolgimento, a cura di C. Cester, 2a ed., Utet, 2007, 468 ss.;

Carinci M.T., Il controllo a distanza dell’attività dei lavoratori dopo il “Jobs Act” (art. 23 D. Lgs. 151/2015): spunti per un dibattito, q. Riv., 2016, 1, III ss.;

Chieco P., Privacy e lavoro, Cacucci, 2000;

Dagnino E., Tecnologie e controlli a distanza, DRI, 2015, 4, 988 ss.;

Emiliani S.P., Potere disciplinare e protezione dei dati personali, ADL, 2007, 3, I, 630 ss.;

Faleri C., Autonomia individuale e diritto alla riservatezza, RIDL, 2000, I, 303 ss.;

Ghezzi G., in G. Ghezzi, F. Liso, Computer e controllo dei lavoratori, GDLRI, 1986, 30, 353 ss.;

Gragnoli E., Dalla tutela della libertà alla tutela della dignità e della riservatezza dei lavoratori, ADL, 2007, I, 1211 ss.;

Ichino P., Il contratto di lavoro, nel Trattato Cicu-Messineo, tomo III, Giuffrè, 2003;

Liso F., Jobs Act e controlli a distanza dei lavoratori: qualche considerazione, Nel Merito, 6 luglio 2015, http://www.nelmerito.com;

Kirschen S., Il Codice della Privacy, fra tradizione ed innovazione, in R. Panetta (a cura di), Libera circolazione e protezione dei dati personali, tomo I, in Trattati, a cura di P. Cendon, Giuffrè, 2006, 11 ss.;

Maresca A., Jobs Act, come conciliare potere di controllo e tutela della dignità e riservatezza del lavoratore, Ipsoa Quotidiano, 22 febbraio 2016;

Meloni S.M., Il trattamento dei dati da parte di soggetti privati: la disciplina del consenso, in V. Cuffaro, R. D’Onofrio, V. Ricciuto (a cura di), Il Codice del trattamento dei dati personali, Utet, 2007, 197 ss.;

Patti S., Consenso, Commento all’art. 23, in La protezione dei dati personali, Commentario al D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 («Codice della privacy»), a cura di M. Bianca, F.D. Busnelli, Le Nuove Leggi Civili Commentate, tomo I, Cedam, 2007, 551 ss.;

Pecorella C., De Ponti R., Impiego dell’elaboratore sul luogo di lavoro e tutela penale della privacy, www.penalecontemporaneo.it, 15 maggio 2011;

Piccininno S., Legge, contratto e consenso nella tutela della riservatezza del lavoratore. I rimedi giurisdizionali, MGL, 1998, 184 ss.;

Pizzonia D., Uso della posta elettronica sul posto di lavoro, privacy e potere di controllo, RGL, 2008, 4, 907 ss.;

Rodotà S., Privacy e costruzione della sfera privata, Pol. Dir., 1991, 542;

Salimbeni M.T., La riforma dell’articolo 4 dello Statuto dei lavoratori, RIDL, 2015, 4, I, 589 ss.;

Sitzia A., I controlli a distanza dopo il “Jobs Act” e la Raccomandazione R(2015)5 del Consiglio d’Europa, LG, 2015, 7, 671 ss.;

Sitzia A., Il diritto alla “privatezza” nel rapporto di lavoro tra fonti comunitarie e nazionali, Cedam, 2013;

Soro A., I lavoratori devono essere informati. Il datore di lavoro non può spiare le mail, ne L’Huffington post, 13 gennaio 2016;

Suppiej G., Il rapporto di lavoro (costituzione e svolgimento), Cedam, 1982;

Trojsi A., Il comma 7, lettera f) della legge delega n. 183/2014. Tra costruzione del Diritto del lavoro dell’era tecnologica e liberalizzazione dei controlli a distanza sui lavoratori, in M. Rusciano et Aa., Jobs Act e contratti di lavoro dopo la legge delega 10 dicembre 2014, n. 183, W.P. CSDL “Massimo D’Antona”, in http://csdle.lex.unict.it/, collective volumes, n. 3/2014;

Tullini P., Comunicazione elettronica, potere di controllo e tutela del lavoratore, RIDL, 2009, I, 485 ss.;

Ziccardi G., Il controllo delle attività informatiche e telematiche del lavoratore: alcune considerazioni informatico-giuridiche, q. Riv., 2016, 1, 48 ss.




DOI: 10.6092/issn.2421-2695/6019

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Copyright (c) 2016 Andrea Sitzia

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.