Il Regolamento UE n. 2016/679 e la protezione dei dati personali nelle dinamiche giuslavoristiche: la tutela riservata al dipendente

Claudia Ogriseg

Abstract


Nel saggio si esaminano le disposizioni del Regolamento UE n.2016/679, che entreranno in vigore nel 2018, evidenziando quale sarà il loro impatto sulla tutela della protezione dei dati personali per i lavoratori dipendenti.

Nell’analisi l’Autrice chiarisce la portata rivoluzionaria della riforma analizzandone le principali novità. Le nuove norme impongono al datore di lavoro, titolare del trattamento, una preventiva analisi e valutazione dei rischi con l’assistenza di nuove figure, nonché l’obbligo di definire e adottare misure “adeguate” per la protezione della privacy, con un sistema sanzionatorio pesantemente irrigidito.

Nelle conclusioni si ritiene che la protezione della riservatezza dei dipendenti sarà rafforzata dalle norme del Regolamento UE.


Parole chiave


privacy; data protection officer; Jobs Act; privacy by design; privacy by default; privacy impact assessment; Regulation EU 2016/679

Full Text

PDF (Italiano)

Riferimenti bibliografici


Agenzia dell’Unione Europea per i diritti fondamentali – Consiglio Europeo (a cura di), Manuale sul diritto europeo in materia di protezione dei dati, 2014 su http://www.echr.coe.int

Alvino I., I nuovi limiti al controllo a distanza dell’attività dei lavoratori nell’intersezione fra le regole dello Statuto dei lavoratori e quelle del Codice della privacy, LLI, 2016, vol. 2, 1, 1-45.

Barraco E. – Sitzia A., Potere di controllo e privacy. Lavoro, riservatezza e nuove tecnologie, Milano Wolters Kluwer, 2016.

Bassoli E., La sicurezza dei sistemi informativi aziendali: norme protettive, oneri e misure minime obbligatorie, in G.Cassano – G. Scorza – G. Vaciago, Diritto dell’internet, Cedam, 2013, 831 e ss.

Bistolfi C., Internet of things, accountability e certificazioni: tutte le novità, in Privacy News, n.1/2016, 31.

Carinci M.T., Il controllo a distanza dell'attività dei lavoratori dopo il "Jobs Act" (art. 23 D lgs. 151/2015): spunti per un dibattito, LLI, 2016, vol. 2, 1, I.

Ciccia Messina A. – Bernardi N., Privacy e Regolamento Europeo 2016/679, Milano Ipsoa, 2016

Corasaniti G., La responsabilità civile da reato informatico in G. Finocchiaro – F. Delfini (a cura di), Diritto dell‘informatica, Utet Torino, 2014, 703.

Del Ninno A., Il Regolamento UE Generale sulla protezione dei dati personali n.679/2016: analisi pratica del quadro generale di insieme e nuovi adempimenti privacy apparso in data 17 maggio 2016 in http://www.DirittoeGiustizia.it

Del Punta R., La nuova disciplina dei controlli a distanza sul lavoro, in RIDL, 2016, I, n. 1.

Deregibus V- - Machì G., Raccomandazione del Consiglio d’Europa CM/Rec(2015)5 e Jobs Act: profili di compatibilità e prospettive di tutela in Bolletino ADAPT 26 marzo 2015.

Di Filippo Novario, La progettazione della privacy in DPL, 2016, n.27, 1633.

Ferri S., Come gestire gli ex-incaricati del trattamento?, in Privacy News, n.1, 2016, 53.

Finocchiaro G. (a cura di), Diritto all’anonimato. Anonimato, nome e identità personale, in Galgano (diretto da), Trattato di diritto commerciale e diritto pubblico dell’economia, vol XLVIII, Cedam, 2008.

Finocchiaro G., La protezione dei dati personali e la tutela dell’identità, in G. Finocchiaro – F. Delfini (a cura di), Diritto dell‘informatica, Utet, 2014, 151.

Franzoni M., Responsabilità derivante da trattamento dei dati personali in G. Finocchiaro – F. Delfini (a cura di), Diritto dell‘informatica, Utet, 2014, 829.

Gamba C., Il controllo a distanza delle attività dei lavoratori e l’utilizzabilità delle prove, LLI, 2016, vol. 2, 1, 120-157.

Garri F. - Pecora L. - Staglianò G., Massimario 1997 - 2001. I principi affermati dal Garante nei primi cinque anni di attività, consultabile su http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/1591839Maietta A., Commento sub art.11, in S. Sica – P. Stanzione (a cura di), La nuova disciplina della privacy, Bologna, 2004.

Majo V., La nuova disciplina dei controlli a distanza sull’attività dei lavoratori e la modernità post panottica, in ADL, 2015, n. 6, pag. 1186.

Marazza M., Dei poteri (del datore di lavoro), dei controlli (a distanza) e dei trattamenti dei dati (del lavoratore), WP C.S.D.L.E. “Massimo D’Antona” IT n.300/2016.

Maresca A., Jobs Act, come conciliare potere di controllo e tutela della dignità e riservatezza del lavoratore in http://www.ipsoa.it/documents/lavoro-e-previdenza/rapporto-di-lavoro/quotidiano/2016/02/22/jobs-act-come-conciliare-potere-di-controllo-e-tutela-della-dignita-e-riservatezza-del-lavoratore consultato in data 26 febbraio 2016.

Messina A.C. - Bernardi N., Privacy e Regolamento Europeo, Ipsoa, 2016.

Pallaro P., Libertà della persona e trattamento dei dati personali nell’Unione Europea, Giuffré, 2002.

Paro A., Impact Assessment: cosa cambia per le aziende, in DPL, 2016, n.28, 1701.

Pizzetti F., Privacy e il diritto europeo alla protezione dei dati personali. Dalla direttiva 95/46 al nuovo Regolamento europeo, Giappichelli, 2016.

Salimbeni M. T., La riforma dell’art. 4 dello Statuto dei lavoratori: l’ambigua risolutezza del legislatore, in RIDL, 2015, n. 4, 589.

Soffientini M. (a cura di), Privacy. Protezione e trattamento dei dati, Ipsoa, 2016.

Soffientini M., Dal Safe Harbor al Privacy shield: la svolta dell’Unione Europea, in Privacy News, n.1/2016, 26.

Soffientini M., Protezione dei dati personali: nuovo Regolamento UE, in DPL, 2016, n.26, 1565

Stizia A., Il diritto alla “privatezza” nel rapporto di lavoro tra fonti comunitarie e nazionali, Cedam, 2013.

Tullini P., Videosorveglianza a scopi difensivi e utilizzo delle prove di reato commesso dal dipendente, in RIDL, 2011, II, 89.




DOI: 10.6092/issn.2421-2695/6498

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Copyright (c) 2016 Claudia Ogriseg

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.