L’importanza di chiamarsi lavoratori, ossia delle corti del Regno Unito alle (p)rese con il lavoro a chiamata attraverso le piattaforme

Vincenzo Pietrogiovanni

Abstract


Il presente articolo analizza l’evoluzione, invero ancora in fieri, di due casi giurisprudenziali britannici che si stagliano quali esempi paradigmatici del lavoro nella cosiddetta gig economy, ossia del lavoro on demand attraverso le piattaforme: il caso di Uber e quello di Deliveroo.

Seppur riferiti a due casi che sono attualmente in discussione presso livelli differenti della giurisdizione britannica (Uber è ormai giunto alla Corte Suprema, mentre il giudizio Deliveroo pende ora innanzi alla Corte d’Appello di Londra), i due giudizi presentano almeno due punti rilevanti per il lettore, anche italiano: innanzitutto, entrambe le piattaforme in considerazione presentano un modello di produzione di servizi assai similare, pertanto pare opportuno affrontarle congiuntamente; inoltre, entrambe le questioni giuridiche vertono sul riconoscimento dello stato di worker, la categoria intermedia che il diritto britannico, almeno nelle intenzioni originarie del legislatori, prevede per assicurare a lavoratori non pienamente subordinati di godere comunque di un nucleo minimo di tutele lavoristiche. Pertanto i due casi sono rilevanti per una verifica del funzionamento (e della funzione) di tale categoria.

Parole chiave


Digital platforms; Gig economy; Platform work; Employment status; UK

Full Text

PDF (Italiano)

Riferimenti bibliografici


Aloisi A., Il lavoro “a chiamata” e le piattaforme online della collaborative economy: nozioni e tipi legali in cerca di tutele, LLI, 2016, vol. 2, n. 2, pp. 16-56.

Atkinson J - Dhorajiwala H., IWGB v RooFoods: Status, Rights and Substitution, in ILJ, 2019, dwz009, https://doi.org/10.1093/indlaw/dwz009

Balandi G.G., Concetti lavoristici impigliati nella rete, RTDPC, 2018, 2, pp. 461-469.

Bellace J.R., The ILO declaration of fundamental principles and rights at work, IJCLLIR, 2001, 17, 3, pp. 269-287.

Biasi M., Uno sguardo oltre confine: “i nuovi lavori” della gig economy. Potenzialità e limiti della comparazione, LLI, 2018, vol. 4, n. 2, pp. 1-24.

Bogg A - Ford M., Between Statute and Contract: Who is a Worker?, Law Quarterly Review, April 2019, vol. 135, n. 3, pp. 347-353.

Bogg A., Taken for a ride: workers in the gig economy, Law Quarterly Review, April 2019, vol. 135, pp. 219-225.

Cabrelli D., Uber e il concetto giuridico di “worker”: la prospettiva britannica, DRI, 2017, n.2, pp. 575-582.

Cherry M.A. - Aloisi A., Dependent contractors in the gig economy: A comparative approach, American University Law Review, 2016, vol. 66, pp. 635-689.

Dagnino E., Il lavoro nella on-demand economy: esigenze di tutela e prospettive regolatorie, LLI, 2015, vol. 1, n. 1, pp. 86-106.

Dagnino E., Note a margine della sentenza Uber UK, bollettinoadapt.it, 29 ottobre 2016.

De Luca G., Uber: ormai è un assedio. Prospettive future sul diritto del lavoro nella gig economy alla luce della sentenza della Corte d’Appello di Londra, DRI, 2018, n. 3, pp. 977-992.

De Stefano V., The rise of the just-in-time workforce: On-demand work, crowdwork, and labor protection in the gig-economy, CLLPJ, 2015, 37, pp. 471-504.

Finkin M., Beclouded work in historical perspective, CLLPJ, 2016, 37, 3, pp. 603–618.

Freedland M. - Kountouris N., Some Reflections on the ‘Personal Scope’ of Collective Labour Law, ILJ, 2017, 46, 1, pp. 52-71.

Freedland M.R., The Contract of Employment, Oxford University Press, 1976.

Freedman S. - Du Toit D., One Small Step Towards Decent Work: Uber v Aslam in the Court of Appeal, ILJ, 2019, dwz011, https://doi.org/10.1093/indlaw/dwz011

Hepple B., Restructuring Employment Rights, in ILJ, 1986, 15, 1, pp. 69-83.

Le Goff J., Du silence à la parole. Une histoire du droit du travail des années 1830 à nos jours, PUR, 2019.

Loi P., Subordinazione e autonomia nel lavoro tramite piattaforma attraverso la prospettiva del rischio; in Commentario Breve allo Statuto del Lavoro Autonomo e del Lavoro Agile, a cura di G. Zilio Grandi - M. Biasi, Cedam, 2018, pp. 113-134.

Menegatti E., On-Demand Workers by Application: autonomia o subordinazione?, in Commentario Breve allo Statuto del Lavoro Autonomo e del Lavoro Agile, a cura di G. Zilio Grandi - M. Biasi, Cedam, 2018, pp. 93-111.

Pacella G., Alienità del risultato, alienità dell’organizzazione: ancora una sentenza spagnola qualifica come subordinati i fattorini di Deliveroo, LLI, 2018, vol. 4, n. 1, pp. 59-90.

Papa V., Post-industriale o pre-moderno? Economia digitale e lavoratori on demand: nuovi paradigmi organizzativi e vecchie esigenze di tutela, DRI, 2018, n. 3, pp. 729-753.

Perulli A., Lavoro e tecnica al tempo di Uber, RGL, 2017, n. 2, pp. 195-218.

Pietrogiovanni V., Redefining the Boundaries of Labour Law: Is ‘Double Alienness’ a Useful Concept for Classifying Employees in Times of Fractal Work?, in Theorising Labour Law in a Changing World - Towards Inclusive Labour Law, a cura di A. Blackham - M. Kullmann - A. Zbyszewska, Hart, 2019, pp. 55-69.

Recchia G.A., Alone in the crowd? La rappresentanza e l'azione collettiva ai tempi della sharing economy, RGL, 2018, 1, pp. 141-166.

Voza R., Il lavoro e le piattaforme digitali: the same old story?, CSDLE.It n. 336/2017.

Weiss M., Digitalizzazione: sfide e prospettive per il diritto del lavoro, DRI, 2016, vol. 26, n. 3, pp. 651-663.




DOI: 10.6092/issn.2421-2695/9610

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Copyright (c) 2019 Vincenzo Pietrogiovanni

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.