Spunti di riflessione su un’etica per il nostro tempo

Alberto Scerbo

Abstract


Di fronte alla realtà globale si è assistito al progressivo restringimento dello spazio dell’azione politica per lasciare campo libero alla spinta impositiva dei soggetti dominanti.

Le ombre di un sistema diluito ed espanso di potere che maschera i veri soggetti che impongono il proprio volere e la contestuale rarefazione dei contrappesi ideati per contenere le derive autoritarie ed arbitrarie, richiama il problema della definizione della base valoriale del potere. Sul tema l’approccio di fondo è nel senso della contrapposizione tra proposte di non cognitivismo assiologico e visioni perfezionistiche.

Proprio sulla scia delle teorie che si sono orientate ad una ricerca delle regole formali per indirizzare le azioni materiali e all’indicazione di procedure razionali per supportare le scelte collettive, si è andata affinando la teorizzazione di un’etica pubblica che, superando i limiti di un indirizzo metafisico, si è profilata come una proposta oggettivista e costruttivista. Con il dichiarato intento di elaborare uno schema aperto di confronto critico e collettivo per la determinazione della moralità delle istituzioni il nucleo dell’indagine riguarda la scoperta dei criteri di giustificazione dei principi e delle regole che presiedono alla sfera pubblica, attraverso la formazione di un consenso collettivo difendibile mediante il ricorso a buone ragioni.

Partendo da tali premesse, l'autore, dopo aver ripercorso criticamente le varie teorie sull'etica pubblica contenute nelle opere di Bentham, Rawls e Dworkin, auspica un ripensamento sostanziale dei processi organizzativi della sfera pubblica, che investa le modalità di intersecazione di politica, diritto ed economia. In particolare, si avverte la necessità di ricomporre il legame tra il giusto e il bene, nella consapevolezza che le procedure non possono in alcun modo prescindere dai contesti e, cioè, dalla presenza di ideali e di valori esistenti di fatto, che connotano ogni comunità ed anche i singoli uomini, verificabili razionalmente.

Il politico, il giuridico e l’economico non hanno valore in sé, e neppure nella loro reciproca relazione, ma solamente in connessione con quell’intero che è l’umano.


Parole chiave


corruption; public ethics; public morality; equality; communitarianism; institutions responsibility; theory of justice; power of individual; democracy rules

Riferimenti bibliografici


ARISTOTELE, Etica Nicomachea, VI, 1141 b.

BAUMAN Z,, Dentro la globalizzazione: le conseguenze sulle persone, Laterza, 2001.

DWORKIN R., Virtù sovrana. Teoria dell’uguaglianza, Feltrinelli, 2002.

LA TORRE M., Morale, in Altri seminari di filosofia del diritto, a cura di M. LA TORRE – G. ZANETTI, Soveria Mannelli, 2010

MAFFETTONE S., Verso un’etica pubblica, Edizioni scientifiche italiane, 1984.

MOCKLE D., Mondialisation et État de Droit, in Mondialisation et État de Droit, a cura di MOCKLE D., Bruxelles 2002

NOZICK R., Utopia, Stato ed Anarchia, Basic Books, 1974.

NUSSBAUM M., Giustizia sociale e dignità umana. Da individui a persone, Il Mulino, 2002.

PLATONE, Minosse, 316 b.

PLATONE, Politico, 284 e.

SEN A., Etica ed economia, Laterza, 2002.

VIANO C. A., Etica pubblica, Laterza, 2002.




DOI: 10.6092/issn.2421-2695/5470

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Copyright (c) 2015 Alberto Scerbo

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.