Il controllo a distanza realizzato mediante Social network

Alessandra Ingrao

Abstract


L’autore esamina l’impatto che la riforma dell’istituto del controllo a distanza potrà avere, con particolare riferimento ai casi in cui il mezzo di controllo sia un social network. Ed infatti, a causa della versatilità e della plurifunzionalità che il social network possiede esso può essere utilizzato sia come strumento di lavoro dal prestatore sia come strumento di controllo dal datore.

L’autore evidenzia come a seguito delle modifiche apportate all’art. 4 St. lav. dal Jobs Act il lavoratore che sia solito accedere al social in orario di lavoro o per sfogare opinioni e talvolta frustrazioni dovrà prestare particolare attenzione alla informativa che riceverà, alla quale è attribuito il compito di rendere trasparenti le modalità con cui è esercitato il potere di controllo datoriale.


Parole chiave


social network; web 2.0; social media marketing; employer’s monitoring power; data protection; employee’s privacy

Riferimenti bibliografici


Bellavista A., Il controllo sui lavoratori, Giappichelli Editore, 1995;

Degeorges M., Tweeter au travail est-il passible de licenciement?, www.Les Echos.fr, 6 marzo 2016;

Liso F., Computer e controllo dei lavoratori, DLRI, 1986, 366 ss., 369;

Del Punta R., La nuova disciplina dei controlli a distanza sul lavoro (art. 23, d.lgs. 151/2015), in corso di pubblicazione su RIDL, 2016, I;

Garilli A., Tutela della persona e tutela della sfera privata nel rapporto di lavoro, RCDP, 1992, II, 321;

Iaquinta F., Ingrao A., La privacy e i dati sensibili del lavoratore legati all’utilizzo di social networks. Quando prevenire è meglio che curare, DRI, 2014, 1027;

Lambertucci P., Potere di controllo del datore di lavoro e tutela della riservatezza del lavoratore: i controlli a “distanza” tra attualità della disciplina statutaria, promozione della contrattazione di prossimità e legge delega del 2014 (c.d. Jobs act), CSDLE, It., n. 255/2015;

Mini F., Social Media. Introduction, in R. Ford, J. Wiederman (edited by), Internet Case Study Book, Taschen, 2010, 232;

Romagnoli U., Sub art. 8, in Statuto dei diritti dei lavoratori, a cura di G. Ghezzi, F. Mancini, L. Montuschi, U. Romagnoli, Zanichelli, 1979;

Tucci E., Garante per la protezione dei dati personali, FI, 2007, III, 214;

Tullini P., Videosorveglianza a scopi difensivi e utilizzo delle prove di reato commesso dal dipendente, RIDL, 2011, II, 89;

Tullini P., Comunicazione elettronica, potere di controllo e tutela del lavoratore, RIDL, 2009, I, 485.




DOI: 10.6092/issn.2421-2695/6031

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Copyright (c) 2016 Alessandra Ingrao

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.